Cultura

Biblioteca Comunale di Amalfi: convegno di studi “Amalfi e la Calabria”

Si svolgerà il 14 ed il 15 dicembre alla Biblioteca Comunale di Amalfi il convegno di studi sul tema “Amalfi e la Calabria – Interscambi economici, sociali, culturali e artistici tra Medioevo ed Età Contemporanea”.

Si inizia venerdì 14 dicembre alle 9.30 con l’accoglienza e la registrazione dei partecipanti alla I sessione di incontri. Dopo i saluti interverranno Giuseppe Caridi, Presidente Deputazione Storia Patria della Calabria con la Prolusione: Calabria e Mezzogiorno tra Medioevo ed Età Moderna. Segue Jean-Marie Martin, CNRS, Paris con “Amalfi e la Calabria medievale: qualche considerazione”.

Poi ancora Vera von Falkenhausen dell’Università di Roma “Tor Vergata “Gli Amalfitani in Calabria in epoca normanno-sveva”; Giuseppe Gargano del Centro di Cultura e Storia Amalfitana con “Amalfi e la Calabria dall’Alto Medioevo all’Età Moderna: una retrospettiva storica” e Mariarosaria Salerno dell’Università della Calabria con “Viaggi e spostamenti tra Amalfi, il Cilento e la Calabria in età medievale”.

Alle 15.30 la II sessione “I rapporti commerciali e sociali”.

Interverranno Francesco Barra dell’Università di Salerno con “La Costa d’Amalfi: economia e società tra la fine del Settecento e l’Unità”; Maria Sirago del Laboratorio di Storia Marittima e Navale di Genova con “Amalfi e la Calabria in età Moderna”; Sarah Procopio dell’Università di Bologna con “Amalfi e la Calabria: il commercio della seta nel periodo medievale”.

E poi Flavio Russo dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito Italiano con “La via del ferro tra la Calabria e Amalfi”.

Comunicazioni di Ernesto Gagano del Centro di Cultura e Storia Amalfitana “La diaspora commerciale degli amalfitani in Calabria” e Maddalena Pacileo del Centro di Cultura e Storia Amalfitana con “Famiglie di Amalfitani dedite al commercio a Catanzaro e dintorni tra Otto e Novecento”.

La III Sessione “Aspetti Culturali, economici e sociali, prenderà il via sabato 15 dicembre alle 9.30.

Interverranno Mirella Vera Mafrici dell’Università di Salerno con “Da Amalfi alle Calabrie: la difesa delle coste in età spagnola”; Antonello Savaglio, Deputazione Storia Patria Calabria con “Eleonora Piccolomini, principessa di Bisignano”; Francesco Campennì dell’Università della Calabria con “Società marinare tra due sponde del Mezzogiorno”; Gianfranco Solferino, Storico dell’Arte – Circolo di Studi Storici “Le Calabrie” con “Riflessi della tradizione amalfitana in Calabria: presenza ed eredità culturale delle famiglie campane nella Locride”; Crescenzo Paolo Di Martino del Centro di Cultura e Storia Amalfitana con “Amalfitani nella Calabria del Settecento” a Antonio Amatruda del Centro di Cultura e Storia Amalfitana con “Amalfitani in Calabria agli inizi del Novecento”.

La IV Sessione “La Cultura materiale e artistica” avrà inizio alle ore 15.30. Interverranno Giovanni Camelia del Centro di Cultura e Storia Amalfitana con “Edward Lear tra la Costa di Amalfi e la Calabria: identità e suggestioni”; Maria Russo dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli” con Ascendenze amalfitane sull’architettura calabrese; Antonio Milione dell’Università Federico II di Napoli con “Dalla Campania alla Calabria. Committenza artistica della famiglia Sanseverino tra XII e XIV secolo”; Maria Cristina Rossi dell’Università di Chieti “Su alcuni monumenti della Calabria medievale.

Letteratura erudita e vicende conservative” e Stefania Paone dell’Università della Calabria “Scultura e committenza in Età angioina tra Campania e Calabria”. Le conclusioni sono affidate a Francesco Barra.

Categorie:Cultura

Con tag:,,,