Cronaca

Reggio Calabria. Rapina in abitazione. Arrestate due romene

Due donne di origini romene sono ritenute le responsabili di una rapina compiuta nell’abitazione di un uomo di 80 anni nel quartiere Ciccarello di Reggio Calabria.

Le due donne di 29 anni, sottoposta a fermo, e la connazionale di 25, arrestata e posta ai domiciliari, sono state individuate dagli agenti della Squadra Volante della Questura di Reggio Calabria che hanno arrestato per ricettazione anche una terza persona di 27 anni.

Secondo quanto emerso dalle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica reggina, le due donne, dopo avere narcotizzato l’anziano, si sarebbero impossessate di oltre duemila euro custoditi in un cassetto.

I poliziotti, allertati dalla vittima, una volta risvegliatasi hanno avviato le indagini che, fin dalle prime battute, hanno consentito di restringere il campo su alcuni soggetti di nazionalità rumena, con precedenti specifici, orbitanti anche nel settore della prostituzione. All’identificazione delle due donne gli investigatori sono giunti grazie all’acquisizione e all’analisi delle immagini dei sistemi di videosorveglianza. E’ emerso così che una prima donna era entrata all’interno dell’appartamento dell’anziano (tra i due vi era una conoscenza pregressa), aprendo, dopo averlo narcotizzato, la porta di casa alle sue complici, una terza non è ancora stata identificata. In casa della donna sospettata di avere compiuto la rapina i poliziotti hanno trovato nascoste in una valigia posizionata sotto il letto e in un doppio fondo di un borsello, quattromila euro in contanti, svariati monili d’oro del peso di circa 170 grammi e indumenti perfettamente coincidenti con quelli indossati dalle donne autrici della rapina, immortalate dalle telecamere