Cronaca

‘Ndrangheta, due latitanti catturati a Madrid: Grasso e Di Marte

Grasso e Di Marte, destinatari di mandato di arresto europeo, sono stati individuati in un appartamento nel quartiere madrileno di Pozuelo de Alarcon. Nel momento dell’irruzione i due erano in possesso di documenti contraffatti e non avevano armi.

L’inchiesta Ares, condotta dai carabinieri del Gruppo di Gioia Tauro tra il 2017 ed il 2018 con il coordinamento del procuratore aggiunto Calogero Gaetano Paci e del pm Adriana Sciglio, aveva permesso di individuare per la prima volta due articolazioni territoriali della ‘ndrangheta, quella dei Cacciola-Grasso e dei Cacciola, contrapposte tra loro, radicate nella Piana di Gioia Tauro e riconducibili alla società di Rosarno del mandamento tirrenico della provincia di Reggio Calabria.

Secondo l’accusa, Grasso avrebbe rivestito un ruolo di assoluto vertice della cosca Cacciola-Grasso “oltre ad un particolare attivismo nell’importazione di droga in Europa, grazie ai contatti diretti con gli esponenti dei cartelli colombiani e venezuelani”. Proprio per il ruolo di rilievo al vertice della cosca, Grasso era stato inserito nell’elenco dei “Latitanti pericolosi” del Ministero dell’Interno.

L’indagine, secondo l’accusa, ha anche permesso di accertare il ruolo rivestito da Di Marte, indicato come narcotrafficante di fiducia di Grasso ed a completa disposizione delle esigenze della cosca, in qualità di “promotore, organizzatore e co-finanziatore dell’organizzazione diretta dal Grasso e finalizzata all’importazione di impressionanti partite di cocaina dalla Colombia”.