Attualità

Tav, inutilità dell’opera quando manca collegamento Roma-Reggio C.



La base della coerenza sta nel rimanere fedeli a se stessi. Anche quando ciò non comporti profitto e vantaggi. Sul caso della Tav, di incoerenza se ne è registrata parecchia.

Per parte mia, contro la Tav ero. E contro la Tav resto. Anche se ormai tutti, anche chi fino ieri si opponeva, sono favorevoli a questa opera la cui grandezza è pari solo alla inutilità.

Che senso ha, spiegatemi, fare la Tav, quando manca un collegamento ferroviario degno di questo nome tra Roma e Reggio di Calabria, tra Bari e Palermo, tra Ventimiglia e Milano?

Che senso ha dare ancora una volta la precedenza assoluta alle merci e alla loro circolazione illimitata?


Poiché sono convinto che ciò che dico sia vero e che la verità non si metta ai voti, continuo con solerzia e, lasciatemi dire, con coerenza a oppormi, nel mio piccolo, alla Tav. (Diego Fusaro)