Attualità

Superare i ‘ghetti’ attraverso l’ospitalità diffusa nelle aziende agricole

“Superare i ‘ghetti’ attraverso l’ospitalità diffusa nelle aziende agricole”

I segretari generali di Cisl e Fai Cisl Tonino Russo e Michele Sapia lanciano l’iniziativa ‘Lavoratori agricoli immigrati fuori dal ghetto’. Un progetto che la Fai Cisl ha già condiviso con le Organizzazioni professionali agricole, e che prevede larealizzazione di alloggi ecosostenibili all’interno delle aziende dove vengono impegnati i migranti

Lamezia Terme – 10.01.2019 – Garantire un sistema di accoglienza che rispetti maggiormente la dignità umana e idiritti universalmente riconosciuti ai tanti migranti attualmente presenti in Calabria. A partire dai lavoratori giàimpegnati nelle campagne agricole a livello regionale.

Ed evitare inoltre che questa situazione possa sfuggire di mano con conseguenze pesanti anche sul piano dell’ordinepubblico.

Con questo obiettivo la Cisl Calabria e la Fai Cisl Regionale rilanciano il progetto territoriale ‘Lavoratori agricoliimmigrati fuori dal ghetto’ ed invitano la Regione Calabria ad avviare un tavolo regionale, coinvolgendo tutti gli attoriinteressati, per discuterne l’attuazione e per affrontare con un nuovo approccio il fenomeno dell’emergenza abitativascatenata dall’arrivo negli anni di migliaia di persone sul suolo calabrese. Attualmente, stando ai dati del ministerodell’Interno, circa 6.420 migranti – pari al 4% dell’intera massa di persone presenti in Italia – sono ospitati negliHotspot, nei Centri di accoglienza e negli Sprar della regione. Spesso però in condizioni disumane.

La tendopoli di San Ferdinando non è che uno degli esempi più eclatanti.

Ma non l’unico. Da qui la proposta del progetto che mira alla realizzazione di siti abitativi ‘Green Economy andImmigration’ per i lavoratori agricoli dell’intera piana di Gioia Tauro.

Un progetto però ripetibile in altre aree della regione.

“In Calabria ci sono tante San Ferdinando – sostengono Tonino Russo e Michele Sapia, rispettivamente segretario dellaUsr Cisl Calabria e della Fai Cisl Calabria -.

È necessario per questo un nuovo approccio tra le parti interessate per il bene dell’intera comunità calabresesostenendo anche l’importante strumento della Bilateralità e del confronto”.

Secondo i due esponenti sindacali, “i disagi odierni, sono sotto gli occhi di tutti” e per questo “il territorio calabrese habisogno di più confronto e non di divisioni e polemiche, specie in temi delicati che riguardano persone, vite umane,lavoro e dignità”.

“Dobbiamo ripartire da questa idea progettuale – sottolineano Russo e Sapia – e farlo in tempi contenuti”. “Unprogetto da valutare, rilanciare e considerare per tutto il territorio calabrese – aggiungono – per superare atavichecriticità, un nuovo modo di fare welfare sociale coniugando tutela ambientale, lavoro di qualità e prodotti di qualità”.Da qui l’appello rivolto alla Regione a sostenere “progetti di qualità come questo, una idea progettuale che potrebbeessere finanziato da fondi comunitari e risorse del Psr”.

“Ribadiamo – sottolineano i due esponenti sindacali – che non serve smantellare barraccopoli e tendopoli per crearealtre realtà similari senza servizi e utenze minime, per non dire delle precarie condizioni igieniche sanitarie, correlateal cibo e relativa alimentazione.

Ma è necessario dare dignità al lavoro e ai tanti lavoratori sia italiani che extra comunitari e comunitari che subisconoingiustizie e abusi rimanendo in quella sorta di aree ‘fantasma’”.

“ Inoltre oltre alla realizzazione di veri alloggi eco-sostenibili per i braccianti agricoli stagionali – rilanciano – si puòpensare a riutilizzare quelle abitazioni abbandonate nelle aree rurali e anche nei centri storici, tramite le normevigenti, agevolazioni fiscali e avviando ulteriori progetti e azioni coinvolgendo i tanti comuni calabresi che soffrono ilfenomeno dello spopolamento e dell’abbandono. Insieme sostenere e concretizzare specifici progetti per superare iritardi infrastrutturali, migliorare la mobilità e il trasporto dei lavoratori, rafforzare la logistica regionale, e coinvolgerei giovani.

Si può fare se tutti insieme condividiamo il percorso della responsabilità e del confronto”.

Da qui l’appello “a fare sistema concretamente – concludono – avviando da subito un tavolo regionale per il lavoro nelsettore agricolo e agroalimentare anche per concretizzare un nuovo approccio tra istituzioni, politica e parti sociali edatoriali sul comparto e sviluppare un protocollo d’intesa regionale per dare dignità al lavoro agricolo di qualità, alleproduzione e affrontare il tema del lavoro nero e del caporalato”.