Attualità

Incarnato: “Da parlamentari 5S e Codacons solo castronerie mediatiche”

COMUNICATO STAMPA

Replica dichiarazioni parlamentari M5S e Codacons

I parlamentari del M5S Parentela e D’Ippolito e il vicepresidente del Codacons Calabria, Francesco Di Lieto continuano e menare castronerie mediatiche sulla tariffa applicata da Sorical ai Comuni calabresi. Un cumulo di falsità propalate dallo stesso suggeritore.

A distanza di anni, prima si è usato lo spauracchio dell’errore di conversione da lire in euro della tariffa di partenza, contenuto nella convenzione di concessione Sorical/Regione del 2003, per teorizzare che tali tariffe sarebbero illegittime, dimenticando non solo che la tariffe di un servizio pubblico non sono quelle contenute in atti convenzionali tra concedente e concessionario, ma in provvedimenti amministrativi adottati dalla PA titolare del servizio.

Le tariffe idriche di partenza applicate da Sorical sono, infatti, solo quelle di cui alla Delibera della G.R. n. 91/05 – all. B), e  il Co.N.Vi.Ri con il noto Parere dell’11.11.2011 ha chiarito in modo tombale che non esistono regole predefinite per determinare la tariffa di partenza del servizio idrico”. Inoltre va ricordato ai tre professionisti della disinformazione che tutti i Tribunali calabresi aditi per ottenere la disapplicazione delle tariffe idriche regionali applicate da Sorical e la restituzione di un presunto indebito precetto, hanno rigettato quelle azioni.

Le tariffe applicate da Sorical sono dunque pienamente e definitivamente valide ed efficaci. Ricordo, inoltre, che dal 2010 la competenza delle tariffe è dell’autorità nazionale, oggi Arera, a cui Sorical puntualmente fornisce dati e ogni dettaglio necessario. 

Luigi Incarnato 

Commissario Liquidatore Sorical Spa