Attualità

Consiglio regionale della Calabria sottoscritto il nuovo Contratto Decentrato del personale e non dei “fannulloni”

La Segretaria Generale della FP CGIL  Calabria, Alessandra Baldari e la Segretaria Generale della CISL FP Calabria,  Luciana Giordano, rendono noto che in data 08 ottobre 2018, in sede di Delegazione Trattante, è avvenuta la sottoscrizione definitiva del Contratto Collettivo Decentrato Integrativo del personale del Comparto del Consiglio regionale della Calabria, relativo al periodo 2018 – 2020. Il CCDI sottoscritto applica a livello regionale tutte le innovazioni introdotte dal nuovo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del Comparto Funzioni Locali sottoscritto lo scorso 21 maggio 2018 e rappresenta una novità anche dal punto di vista della struttura del modello contrattuale.

Il risultato ottenuto costituisce un grande successo: l’ottimo lavoro di squadra ha consentito di giungere alla chiusura della fase negoziale in tempi brevissimi, rendendo esigibili le garanzie normative ed economiche disciplinate dal nuovo impianto contrattuale. Si è lavorato in un clima di grande collaborazione per il bene dei lavoratori, che ad oggi possono contare su un contratto definitivamente approvato che porterà all’immediata attivazione dei vari istituti contrattuali. Si auspica che le relazioni sindacali, caratterizzate da un clima di massima apertura e collaborazione con la rappresentanza della Parte Pubblica, possano proseguire sulla rotta intrapresa. La FP CGIL e la CISL FP colgono, inoltre, l’occasione per ribadire, a gran voce, che il Consiglio regionale della Calabria non è la sede di “FANNULLONI”, non è un esempio poco virtuoso di Pubblica Amministrazione, ma il contrario. A Palazzo Campanella i lavoratori si recano quotidianamente per mettere al servizio dell’Amministrazione la propria professionalità ed esperienza. Parliamo di lavoratori che con dedizione e impegno, rispettano il proprio orario di lavoro, da sempre attestano la propria presenza con sistemi di rilevazione automatica e svolgono regolarmente la propria attività lavorativa.  Quanto accaduto investe le strutture politiche del Consiglio regionale della Calabria, non la struttura amministrativa. L’immagine dei lavoratori ha subito un ingiusto discredito mediatico, ed è doveroso, da parte delle scriventi, riabilitarla facendo chiarezza.

Advertisements
Annunci