Attualità

Gli alberi finti inquinano 10 volte più di quelli veri

Coldiretti: gli alberi finti di Natale inquinano 10 volte più di quelli veri

“A determinare la maggior parte dell’impronta di carbonio dell’albero di plastica è la sua fabbricazione, a partire dal petrolio”

Un albero artificiale di circa 1,90 metri ha un’impronta di carbonio equivalente a circa 40 chili di emissioni di gas serra, vale a dire che inquina 10 volte più di un albero vero, peraltro utilizzabile dopo le feste come pellet per combustibile. E’ quanto afferma la Coldiretti secondo la quale “a determinare la maggior parte dell’impronta di carbonio dell’albero di plastica è la sua fabbricazione, a partire dal petrolio”.

Coldiretti sottolinea che un abete vero, se viene riciclato o coltivato in un vaso o in giardino, può avere emissioni trascurabili o addirittura negative. Nell’albero di plastica il problema è appunto la sua fabbricazione, che causa emissioni industriali derivanti dalla produzione dell’albero e la spedizione per lunghe distanze prima di arrivare al negozio, poiché la maggioranza ha origine in Cina, a circa novemila chilometri di distanza dall’Italia.

La maggior parte degli alberi finti – continua la Coldiretti – sono in Pvc, una plastica notoriamente difficile se non impossibile da riciclare perché richiede attrezzature speciali”.

L’albero naturale di Natale trova spazio quest’anno nelle case di 3,6 milioni di famiglie per una spesa media di 33 euro, come conseguenza della tendenza dei consumatori ad acquistare degli abeti di varietà particolari ma anche più costose rispetto al più tradizionale abete rosso, secondo l’indagine Coldiretti/Ixe’ dalla quale emerge anche che l’albero di Natale è irrinunciabile per l’81% delle famiglie italiane.